ISTAT : Produzione nelle costruzioni aprile 2015

19 giugno 2015

Ad aprile 2015 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni ha registrato, rispetto al mese precedente, una diminuzione dello 0,3%.

Nella media del trimestre febbraio-aprile 2015 l’indice è diminuito dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti.

L’indice corretto per gli effetti di calendario nel mese di aprile 2015 è diminuito in termini tendenziali del 3,2% (i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 20 di aprile 2014). Nella media dei primi quattro mesi dell’anno l’indice è diminuito del 2,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ad aprile 2015 l’indice grezzo ha segnato un aumento tendenziale dello 0,1% rispetto allo stesso mese del 2014. Nella media dei primi quattro mesi dell’anno l’indice è sceso dell’1,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Prossima diffusione dell’ISTAT: 17 luglio 2015

Link al sito dell’ISTAT

Inflazione USA – maggio 2015

06/18/2015

L’indice dei prezzi al consumo (CPI-U) negli Stati uniti D’America (USA)  è aumentato dello 0,4 per cento a  maggio 2015 su base destagionalizzata, lo ha comunicato l’ufficio centrale di Statistica americano ha riferito oggi. Nel corso degli ultimi 12 mesi, l’indice di tutti gli articoli è rimasto invariato (0%).

Mappa USA
USA

L’indice relativo alla benzina è aumentato nettamente a maggio, in aumento del 10,4 per cento.

L’indice di olio combustibile in aumento ma l’indice di energia elettrica in calo  e l’indice di gas naturale invariato.

Alimentazione  invariata per il secondo mese consecutivo, compensato con un  aumento per l’alimentazione consumata lontano da casa.

Tariffe aeree  e  assistenza medica in  aumento, come gli indici per la cura personale e la ricreazione,  nuovi veicoli, le bevande alcoliche e il tabacco.

Al contrario, gli indici per  abbigliamento, per l’arredamento per la casa e  per le auto usate e  camion che a maggio scendono.

Per i dati consulta le nostre pagine sull’inflazione Internazionale

Qui i dati ufficiali US

ISTAT: Export primo trimestre 2015

Export Italia I trim 2015L’ISTAT comunica in data odierna che nel I trim.   2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le regioni nord-orientali (+2,9%) sia per quelle meridionali e insulari (+2,5%).

Un piccolo incremento si registra per le regioni dell’Italia nord-occidentale (+0,1%) mentre quelle dell’Italia centrale sono in flessione (-1,9%).

Nei primi tre mesi del 2015, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, in un contesto di incremento del 3,2% dell’export nazionale, l’Italia nord-orientale registra la maggiore crescita dell’export (+7,3%).

ISTAT – La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia

La violenza contro le donne è fenomeno ampio e diffuso

L’ISTAT ha pubblicato il 5 giuno 2015 i Principali risultati sulle diverse forme di violenza dentro e fuori la famiglia

VIOLENZA-DONNE

Sono sei  milioni 788 mila le donne che hanno subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni: il 20,2% ha subito violenza fisica, il 21% violenza sessuale, il 5,4% forme più gravi di violenza sessuale come stupri e tentati stupri. Sono 652 mila le donne che hanno subìto stupri e 746 mila le vittime di tentati stupri.

Le donne straniere hanno subito violenza fisica o sessuale in misura simile alle italiane nel corso della vita (31,3% e 31,5%).

Slitta dal 16 giugno al 6 luglio 2015, il termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi

Comunicato Stampa del MEF N° 121 del 09/06/2015
Studi di settore: posticipato al 6 luglio 2015 il termine per versare le imposte

Agenzia delle Entrate
Agenzia delle Entrate

Slitta dal 16 giugno al 6 luglio 2015, il termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione unificata annuale da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

Compensi professionali avvocati – Credito dell’avvocato e data dalla quale cominciano a decorrere interessi e rivalutazione monetaria

Sulla parcella dell’avvocato gli interessi scattano dalla sentenza

Se il cliente non paga o contesta la parcella all’ avvocato e questi agisce in causa per vedersi riconosciuto il proprio compenso, gli interessi scattano dal momento del deposito della sentenza e non retroagiscono, invece, a quando la somma era stata richiesta.

Sentenza Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza 26 novembre 2014 – 4 giugno 2015, n. 11587

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza 26 novembre 2014 – 4 giugno 2015, n. 11587
Presidente Petitti – Relatore Scalisi

Fatto e diritto

Rilevato che il Consigliere designato, Dott. A. Scalisi, ha depositato ai sensi dell’art. 380 bis cd. proc. civ., la seguente proposta di definizione del giudizio: “Preso atto che l’avv. G. , con atto ex art. 702 bis cpc, del 13 aprile 2012 chiedeva la liquidazione della parcella relativa alla prestazione professionale fornita al Comune di Mussomeli quale difensore di parte civile nel giudizio a carico di M.F. più 43 celebratosi davanti al Tribunale di Palermo. Il Tribunale in composizione collegiale ritenendo che il procedimento de quo esulasse dall’ambito applicativo dello speciale procedimento ex art. 28 legge 794 del 1942 e art. 14 dlgs. 150 del 2011 rimetteva il processo davanti al Giudice monocratico.