Come allenarsi in acqua per migliorare la forma fisica e la salute

Hydrobike o  corsa in acqua per massimizzare la forma?

Per scoprire quale  fosse l’esercizio più dispendioso da fare in acqua ci siamo avvalsi di un famoso studio scientifico italiano pubblicato nel 2022: Energy Consumption of Water Running and Cycling at Four Exercise Intensities dal  Department of Human Sciences, Society and Health, University of Cassino and Lazio Meridionale autori Sabrina Demarie, Emanuele Chirico, Cecilia Bratta e Cristina Cortis. 

Come allenarsi in acqua per migliorare la forma fisica e la salute 1

Lo studio aveva lo scopo di determinare le intensità relative di esercizio per il ciclismo(HB) e la corsa in acqua, sia in sospensione (RS – tramite una cintura stretta al livello dell’addome) che a contatto con il fondo della piscina(RC), a quattro diverse velocità di movimento. Per farlo, gli autori hanno misurato gli scambi gassosi, la frequenza cardiaca e il lattato ematico in 14 donne giovani e sane che hanno svolto dei test in una piscina a livello dello xifoide.

Tutte le quattordici studentesse universitarie sono state sottoposte a quattro sessioni sperimentali alla stessa ora del giorno (intorno alle 18:00). Per garantire il raggiungimento dei valori massimi, la potenza aerobica massima è stata valutata con una procedura standardizzata di tapis roulant incrementale.

Test massimale per determinare i parametri di base delle studentesse

I test di tapis roulant incrementale massimale  sono stati eseguiti durante la prima sessione sperimentale in una palestra a ridosso della piscina.

I test di Hydrobike (HB), di corsa con contatto con il suolo (RC) e di corsa sospesa (RS) sono stati eseguiti in giorni separati in ordine casuale. Tutti i test di esercizio in acqua si sono svolti nella stessa piscina di 25 m con una temperatura dell’acqua costante di 27 ◦C; Ogni soggetto è stato posizionato a una profondità di piscina corrispondente al livello del singolo xifoideo. La profondità del processo xifoideo dell’immersione corporea è stata scelta perché offre una maggiore stabilità rispetto all’immersione alla profondità della clavicola.  L’RC consisteva nel correre con i piedi a contatto con il fondo della piscina e l’RS è stato condotto utilizzando una cintura di galleggiamento.

Durante l’HB le mani hanno afferrato il manubrio, mentre durante le due prove di corsa gli arti superiori non hanno avuto vincoli. Tutti i test sono stati preceduti da un riscaldamento di 15 minuti di intensità luminosa fuori dall’acqua, su un cicloergometro, a 20 cicli al minuto (cpm) [21]. Dopo il riscaldamento, i soggetti sono stati equipaggiati per l’analisi dei gas respiro per respiro (K4 b2, Cosmed, Roma, Italia). Gli analizzatori di gas sono stati calibrati immediatamente prima di ogni test con una concentrazione nota di ossigeno e anidride carbonica e il flussometro è stato tarato con una siringa da 3 litri. La frequenza cardiaca è stata monitorata continuamente (Sport Tester, Polar Electro, Helsinki, Finlandia). Per la determinazione del picco di accumulo di lattato nel sangue, sono stati raccolti campioni di sangue dal lobo dell’orecchio a riposo, al terzo, sesto e nono minuto di recupero passivo, mentre erano seduti a riposo. La misurazione del valore del lattato nel sangue è stata effettuata immediatamente dopo il prelievo

Svolgimento del TEST in acqua

 I test in acqua consistevano nel pedalare o correre a 30, 40, 50 e 60 cpm, indicati da un segnale acustico preregistrato. Ogni falcata o frequenza ciclistica è stata eseguita per 5 minuti con un riposo di 1 minuto. Durante l’esercizio di 5 minuti, l’assorbimento di ossigeno è stato valutato respiro per respiro da un metabolimetro portatile attraverso un boccaglio ; L’analizzatore di gas contenuto in una sacca resistente all’acqua è stato caricato su una rastrelliera posta immediatamente sopra la testa del partecipante e trasportato da una persona in modo che seguisse da vicino il soggetto. Alla fine della piscina, il soggetto ha fatto una svolta verso l’esterno preistruita. La frequenza cardiaca è stata registrata in modo continuo (Polar, Electro, Finlandia); Dopo la raccolta, i dati sono stati mediati ogni 5 s. Prima di iniziare i test e durante i periodi di riposo di 1 minuto tra le ripetizioni, sono stati raccolti campioni di sangue dal lobo dell’orecchio per le misurazioni della concentrazione di lattato nel sangue. Di seguito la tabella con tutti i dati per ogni esercizio con modalità e intensità

I risultati mostrano che il ciclismo in acqua richiede il maggior consumo di ossigeno (38,1 mL.kg.min) e presenta la più alta accumulazione di lattato(6,1 mM/L), mentre la corsa sospesa richiede il minor sforzo cardiometabolico e presenta il più basso accumulo di lattato.

La corsa in acqua sospesa(RS) ha richiesto il minor sforzo cardiometabolico.  HB inoltre  ha  raggiungento un’intensità vigorosa a 50 cpm e vicino al massimale a 60 cpm. La corsa in acqua con contatto a terra (RC) ha presentato valori intermedi tra RS e HB.

Le quattro velocità di movimento delle tre modalità di esercizio in acqua erano comprese tra il 50% e il 95% della frequenza cardiaca massima e del consumo massimo di ossigeno, rappresentando uno stimolo di allenamento moderato-vigoroso e vicino al massimale.

 

Riferimento  della studio

Vo2Max e Longevità

Il V02 Max è la variabile più strettamente correlata alla longevità

La  longevità è un processo multifattoriale complesso che implica una buona dose di fortuna.

Tuttavia, quelli con il V02Max più alto tendono ad avere il rischio più basso di morire precocemente rispetto a quelli con livelli di V02Max bassi.

 

Cos’è il V02Max e come possiamo migliorarlo

V02Max è, per definizione “Il tasso massimo di consumo di ossigeno raggiungibile durante lo sforzo fisico.”

Per prima cosa dobbiamo fare un po’ di conti per conoscere da vicino il VO2Max

 

Analizziamolo per renderlo semplice

Dove:

  • è il consumo di ossigeno in millilitri al minuto (ml/min).
  • Q  Gittata cardiaca =  La quantità di sangue espulsa dal cuore moltiplicata per la frequenza cardiaca. Q = SV x HR
    • SV  volume sistolico è la quantità di sangue espulsa dal cuore ad ogni battito. Se si desidera aumentare il  V02Max, dobbiamo aumentare questo numero.
  • Ca O2  è la concentrazione di ossigeno arterioso (in ml di ossigeno per 100 ml di sangue).
  • è la concentrazione di ossigeno venoso (in ml di ossigeno per 100 ml di sangue), ma la risposta semplice è una migliore efficienza mitocondriale e una maggiore formazione di vasi sanguigni.
  • Si moltiplica per 1/1000 per convertire il flusso sanguigno da litri a millilitri e quindi ottenere il risultato in ml/min.

Gittata cardiaca

La gittata cardiaca (Q) è la quantità di sangue che puoi far uscire dal tuo cuore in un determinato periodo di tempo.

Tanto sangue uguale a  più ossigeno. Più ossigeno, più carburante. Più carburante, più energia per…. fare la nostra attività sportiva oppure il nostro lavoro.

Ora concentriamoci sul volume sistolico(SV): la quantità di sangue che lascia il cuore ad ogni battito.

 

Durante ogni battito cardiaco, il cuore si rilassa per riempirsi (diastole) e poi si contrae (sistole).

Non ci vuole uno scienziato per capire che se vuoi espellere più sangue dal cuore, devi riempirlo con quanto più sangue possibile quando si rilassa (diastole).

Pertanto, è necessario ingrandire (dilatare) la camera di pompaggio principale del cuore per accogliere più sangue prima che venga espulso.

Come si ingrandisce la “camera di pompaggio” del cuore?

Semplice. Dobbiamo fare cose che dilatano il nostro cuore alla sua massima capacità. Lo fai di nuovo e poi ancora, per anni, e anni, e anni e anni.

Il motivo per cui il V02Mmax è un ottimo predittore della longevità è perché è una misura di decenni di attività piuttosto che di un “calcio di salute” di 3 settimane.

Confrontiamo il cuore di una serie di atleti d’élite: atleti di resistenza contro sollevatori di pesi.

In uno studio effettuato, il controllo medio (atleta non d’élite) aveva un V02max di 44,5 ml/Kg/min e una dimensione del ventricolo sinistro (LVEDD) quando completamente rilassato di 5,19 cm². Non male, ma gli atleti d’élite?

  • Resistenza – V02Max 74,7 ml/Kg/min e 5,72 cm LVEDD

  • Sollevatori di pesi – V02 Max 45,3 ml/Kg/min e 5,29 cm LVEDD

Gli atleti di resistenza hanno valori di V02Max e di dilatazione ventricolare sinistra significativamente più alti rispetto agli atleti non élite o ai sollevatori di pesi. Quindi i loro cuori sono più dilatati per espellere più sangue, il che si traduce in un V02max più elevato.

Esiste una chiara relazione tra allenamento fisico, aumento dei volumi del ventricolo sinistro (dilatazione) e V02Max(PDF) .

Alcuni studi hanno addirittura dimostrato un raddoppio del volume cardiaco in coloro che si allenano da un livello di base principiante a uno standard di livello mondiale.

Ma che tipo di allenamento bisogna fare per migliorare il Vo2Max?

Il modo più rapido per aumentare il V02Max è l’allenamento a intervalli. Più rapido ma non il migliore per ottenere un V02max molto elevato.

L’allenamento a intervalli aumenterà il V02Max, ma rappresenterà un rapido aumento della tua capacità aerobica complessiva e viene spesso definito “affinamento”.

Ma per ottenere aumenti sostanziali che si protraggono nel tempo, è necessario costruire la propria base aerobica.

In linea di massima, se si desidera costruire una grande piramide, abbiamo necessità di una base davvero grande.

Per costruire quella base aerobica, dobbiamo fare infinite ripetizioni per dilatare il cuore alle sue dimensioni massime per espellere la massima quantità di sangue per battito cardiaco.

cioè aumentare il volume della sistole.

Il volume sistolico e la dilatazione ventricolare sinistra sono al massimo tra il 40 e il 60% del V02Max .

Al di sopra del 60% del V02Max, il volume sistolico diminuisce e il cuore non raggiunge la sua piena capacità di dilatazione (LVEDD).

Per la maggior parte delle persone, dal 40 al 60% del V02 Max rappresenta un’intensità relativamente bassa. Tecnicamente, usando un linguaggio tipico di coach ed atleti (per identificare le zone di allenamento), è una intensità che si trova in Zona 1 (Z1) e un po’ della Zona 2(Z2). Quando ci si allena in queste zone, la frequenza cardiaca a riposo diminuirà.

Pertanto, ad ogni battito cardiaco, il tuo cuore si riempirà ancora di più e il cuore si dilaterà ancora di più. Questa intensità è il luogo in cui la maggior parte delle persone dovrebbe trascorrere la maggior parte del proprio tempo. 

Per la maggior parte delle persone, anche fare una corsa facile li porterà fuori da questa zona, quindi non aver paura di camminare velocemente o di pedalare facilmente per tanti km e per tanto tempo.

Questo non vuol dire che l’allenamento a intervalli non abbia un ruolo nell’aumento del V02max, ma dovrebbe occupare solo circa il 5-10% del tempo di allenamento settimanale ed è meglio conservarlo per quei periodi di “affinamento” in cui le prestazioni devono essere migliorate e ottimizzate.

Per l’allenamento a intervalli, molte varianti hanno mostrato benefici, ma un buon approccio se si dispone di un ragionevole grado di forma fisica sono le ripetizioni 4 X (4 + 3).

Cosa significa? Dopo il riscaldamento, fai 4 minuti di intensità molto intensa con circa 3 minuti di recupero attivo. Ripeti l’operazione quattro volte ed esegui un riscaldamento.

Farlo una volta alla settimana è solitamente sufficiente.

Per la costruzione di basi aerobiche, fai il più possibile. Tanto, tanto volume.

Tante, tantissime ripetizioni a bassa intensità per dilatare il cuore alla sua massima capacità.

Come si misura il  V02max?

Se fai tutto questo per divertimento e non hai intenzione di prenderlo molto sul serio, puoi fare un test di Cooper per calcolare il tuo V02max.

Tutto ciò che serve sono 12 minuti e poi in base alla distanza percorsa otterrai tuo V02 Max. Se sei un ciclista puoi utilizzare la nostra utilità per calcolare il tuo Vo2Max.

Ma se lo prendi sul serio, devi fare un test formale del V02max come parte di un test da sforzo cardiopolmonare con un metabolimetro

Questi test sono disponibili nei centri medicina dello sport. 

Riepilogando

Il V02max è l’indicatore più strettamente legato alla longevità. Portare il tuo V02max a livelli elevati è uno sforzo che dura tutta la vita.

Per fare ciò, devi costruire una GRANDE base aerobica dilatando ripetutamente il tuo cuore fino alle sue dimensioni massime, solitamente a un livello di attività pari al 40-60% del tuo V02max, che generalmente è un livello di attività facile.

Fallo ripetutamente e nel corso di decenni e questo ti permetterà di “vincere la partita”

Studio Crossover: definizione, utilità e applicazioni

Cos’è e cosa si intende per studio crossover?

Uno studio crossover è un tipo di disegno di studio utilizzato nella ricerca medica e scientifica.

In uno studio crossover, i partecipanti allo studio ricevono due o più trattamenti o interventi in sequenza, seguendo un ordine specifico. Ogni partecipante funge da proprio controllo, ricevendo tutti i trattamenti in modo da confrontare l’efficacia o la risposta ai diversi trattamenti all’interno del medesimo individuo.

Nello studio crossover, i partecipanti vengono assegnati casualmente a un gruppo di trattamento e a un gruppo di controllo. Il gruppo di trattamento inizia con un trattamento specifico, mentre il gruppo di controllo può ricevere un placebo o un altro trattamento di controllo. Dopo un periodo di tempo prestabilito, i gruppi si scambiano, e il gruppo di trattamento passa al trattamento di controllo mentre il gruppo di controllo riceve il trattamento iniziale.

Schema studio crossover Fonte: https://roche-focus-persona.ch/studi-clinici/

Quando è utile lo studio crossover

Lo studio crossover è particolarmente utile quando l’effetto del trattamento può variare da individuo a individuo o quando è importante confrontare l’efficacia dei trattamenti nello stesso individuo. Poiché ogni partecipante serve come proprio controllo, gli effetti individuali, come la variabilità interindividuale, vengono ridotti al minimo, migliorando la precisione dei risultati.

Quando è utilizzato lo studio crossover

Questo tipo di studio è spesso utilizzato per valutare l’efficacia dei farmaci, ma può essere applicato anche ad altre modalità di trattamento, come terapie fisiche, interventi dietetici, cambiamenti nello stile di vita oppure nello sport per valutare l’efficacia di diversi trattamenti, strategie o interventi sull’atletismo o sulla performance sportiva.

Problematiche legate allo studio crossover

Tuttavia, è importante considerare che gli studi crossover possono comportare sfide logistiche, come il washout (periodo di sospensione tra i trattamenti per eliminare l’effetto del trattamento precedente) e la possibilità di effetti di carryover (effetti residui del trattamento precedente che influenzano il trattamento successivo). Pertanto, il disegno dello studio crossover richiede una pianificazione e un’implementazione attente per garantire la validità e l’affidabilità dei risultati.

Puoi consultare questa risorsa per approfondire sullo studio crossover: Disegni dello studio clinico (https://eupati.eu/)

Massima potenza aerobica o MAP

Cos’è la massima potenza aerobica?

La massima potenza aerobica generalmente indicata con la sigla  MAP, dall’inglese Maximal Aerobic Power,  descrive la capacità funzionale del sistema cardiorespiratorio.

Atleta che esegue un test con il metabolimetro per misurare la massima potenza aerobica

È definita come la velocità massima alla quale l’ossigeno può essere utilizzato durante un determinato periodo, di solito durante un esercizio intenso.

È una funzione sia delle prestazioni cardiorespiratorie che della massima capacità di rimuovere e utilizzare l’ossigeno dal sangue. 

Più alto è il livello di fitness cardiorespiratorio misurato, più ossigeno è stato trasportato e utilizzato dai muscoli attivati.

È stato dimostrato che la massima potenza aerobica fornisce importanti informazioni prognostiche e diagnostiche in una varietà di popolazioni di pazienti. La MAP fornisce la base per molte applicazioni cliniche e di ricerca e può essere misurata direttamente o stimata dalle risposte fisiologiche ai test di esercizio submassimali o massimali

Come viene espressa la MAP?

La massima potenza aerobica è spesso espressa come consumo massimo di ossigeno (V˙O2max ) , che è il prodotto della gittata cardiaca e della differenza di ossigeno artero-venosa (AV O 2 ) e definisce la capacità di un individuo di eseguire il lavoro aerobico. La potenza aerobica massima può anche essere espressa in equivalenti metabolici (MET) per consentire il confronto tra soggetti rispetto al peso corporeo poiché un MET è di circa 3,5 mL O 2/kg di peso corporeo al minuto.

Quindi, i due meccanismi  che consentono l’aumento del consumo di ossigeno sono:

  1. aumento della quantità di sangue pompato dal cuore (l’aumento della gittata cardiaca);
  2. una maggiore estrazione di ossigeno dal sangue arterioso (ossia una maggiore differenza artero-venosa);

Da sapere che in condizioni di riposo 100 mL di sangue arterioso contengono circa 20 mL di ossigeno, mentre il sangue venoso ne contiene 15 mL, pertanto la differenza artero-venosa corrispondente al consumo di ossigeno basale prevede un’estrazione di 5mL di ossigeno per 100 mL di sangue. In condizioni basali, quindi, 15 mL di ossigeno, pari al 75% del carico di ossigeno originale, restano legati all’emoglobina..

Cosa influisce sulla massima potenza aerobica?

 La massima potenza aerobica può essere influenzata da:

  • età;
  • stato di fitness;
  • presenza di malattie o dal regime terapeutico. 

Tipicamente, il V˙O2max medio negli uomini è dal 10% al 20% maggiore di quello nelle donne, in gran parte correlato a una maggiore massa muscolare, una maggiore concentrazione di emoglobina e una maggiore gittata sistolica.

Come è possibile aumentare la MAP?

L’esercizio di resistenza regolare è stato associato ad un aumento del V˙O 2max dal 10% al 30%, a causa della maggiore differenza AVO2 e dell’aumento della gittata sistolica massima, che possono aiutare ad attenuare la riduzione della capacità aerobica che si verifica nel tempo, spesso diminuendo dall’8% al 10% per decennio nei soggetti non atletici.  Queste diminuzioni sono spesso il risultato di una diminuzione della frequenza cardiaca massima causata dall’età e della differenza AVO 2.

Consigliamo per approfondire l’argomento

Calcolo e stima Vo2Max nel ciclismo

Calcolo zone frequenza cardiaca per ciclismo e corsa

Calcolo critical power nel ciclismo

Doomscrolling cos’è e cosa significa

Significato della parola  Doomscrolling

Doomscrolling

Doomscrolling è la pratica di controllare  in maniera ossessiva  articoli sui social in momenti di crisi, aspettandosi cattive notizie  in modo tale che la sensazione di terrore da questa aspettativa negativa alimenterà una coazione a continuare a cercare aggiornamenti in un ciclo che si autoalimenta.

Il termine era già in uso almeno dal 2018, è nel gennaio 2021 che ha avuto il suo picco a livello mondiale su Google.

Doomscrolling  è stata la parola più cercata nel 2021 su Google.

Come si noterà dal grafico (fonte Google Trend) la parola doomscrolling inizia e aumenta la sua crescita dall’aprile 2020. Esattamente il 31 dicembre 2019, la Cina comunicava la diffusione di un “cluster” polmoniti atipiche di origine virale. Era l’inizio della pandemia da COVID.

Quali sono le preoccupazione legate al doomscrolling?

Gli esperti avvertono che il doomscrolling può essere dannoso per la salute mentale. Allora come possiamo difenderci?

Il primo passo per smettere, come in tutte le dipendenze, è riconoscere l’esistenza del problema: avendo la consapevolezza di star cercando ossessivamente cattive notizie online, si può decidere di fermarsi e dedicarsi ad altro. «Bisogna imporsi dei limiti», spiega Ling, «darsi il permesso di scorrere le notizie mezz’ora al mattino, qualche minuto al pomeriggio, ma non di più». E quando si ha la tentazione di prendere in mano il telefono, provare a sostituirla con qualcos’altro: «Leggere, cucinare, allenarsi: sono tutte alternative più sane al doomscrolling».

Continua la lettura su FOCUS.it


Altre notizie collegate a doomscrolling

Cosa ci dice il dizionario in inglese su doomscrolling

Cos’è il grasso corporeo e la percentuale di massa grassa?

Come è composto il corpo umano?

Prima di addentrarci nello specifico dobbiamo vedere come è composto il nostro corpo.

Composizione corpo umano

Il corpo umano è composto da quattro macro gruppi: ossa, grasso, acqua e muscoli.

Tutti questi fattori possono essere misurati ma come si effettua la misurazione?

In commercio ci sono monitor di composizione corporea che forniscono risultati di composizione corporea rapidi e accurati utilizzando la più recente tecnologia avanzata di analisi dell’impedenza bioelettrica (BIA).

Queste bilance per l’analisi corporea danno un vero indicatore della salute interiore e, se monitorate nel tempo, possono mostrare l’impatto di qualsiasi regime di fitness o programma di perdita di peso.

Il primo dato “aggregato” che possiamo ottenere è il nostro peso corporeo ovvero la somma del peso di  ossa, grasso, acqua e muscoli. 

Questo peso è facilmente ottenibile pesandoci su una classica bilancia pesa persone.

La massa grassa corporea

La massa grassa corporea è il peso effettivo del grasso nel nostro corpo.

La percentuale di massa grassa

La percentuale di massa grassa o grasso corporeo è la percentuale di grasso sul peso corporeo totale.

Lo sapevi che…

Esistono diversi indicatori del grasso corporeo, tra cui l’indice di massa corporea, la quantità di grasso sottocutaneo, la percentuale di grasso corporeo, la massa grassa, la distribuzione regionale del grasso e il modello di grasso sottocutaneo. 

Un basso effetto genetico additivo inferiore al 10% della variazione fenotipica umana si trova nell’indice di massa corporea e nella quantità di grasso sottocutaneo, mentre la percentuale di grasso corporeo, massa grassa, distribuzione del grasso e struttura del grasso sono caratterizzati da stime di ereditarietà di circa il 25%. 

D’altro canto, uno studio recente dimostra che esiste un importante effetto di interazione genotipo-ambiente nella variazione del grasso corporeo umano indotta dalla sovralimentazione. 
Fonte:Heredity and body fat

Cosa dice la scienza?

Body fat distribution, in particular visceral fat, is associated with cardiometabolic risk factors in obese women

Heredity and body fat

Molto utile per approfondire: Corpo Umano: viaggio all’interno di una macchina perfetta.

Efficacia e sicurezza del vaccino mRNA-1273 SARS-CoV-2

Efficacy and Safety of the mRNA-1273 SARS-CoV-2 Vaccine

Lindsey R. Baden, M.D., Hana M. El Sahly, M.D., Brandon Essink, M.D., Karen Kotloff, M.D., Sharon Frey, M.D., Rick Novak, M.D., David Diemert, M.D., Stephen A. Spector, M.D., Nadine Rouphael, M.D., C. Buddy Creech, M.D., John McGettigan, M.D., Shishir Khetan, M.D., et al., for the COVE Study sGroup*

Pubblicato in data 30 dicembre 2020
DOI: 10.1056/NEJMoa2035389

Efficacia e sicurezza del vaccino mRNA-1273 SARS-CoV-2

Efficacy and Safety of the mRNA-1273 SARS-CoV-2 Vaccine

Abstract

SFONDO

I vaccini sono necessari per prevenire la malattia da coronavirus 2019 (Covid-19) e per proteggere le persone ad alto rischio di complicanze. Il vaccino mRNA-1273 è un vaccino a base di mRNA incapsulato in nanoparticelle lipidiche che codifica per la proteina spike a tutta lunghezza stabilizzata in prefusione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa Covid-19.

METODI

Questo studio di fase 3 randomizzato, in cieco per l’osservatore e controllato con placebo è stato condotto in 99 centri negli Stati Uniti. 

Le persone ad alto rischio di infezione da SARS-CoV-2 o le sue complicanze sono state assegnate in modo casuale in un rapporto 1: 1 a ricevere due iniezioni intramuscolari di mRNA-1273 (100 μg) o placebo a 28 giorni di distanza. 

L’endpoint primario era la prevenzione della malattia da Covid-19 con insorgenza almeno 14 giorni dopo la seconda iniezione nei partecipanti che non erano stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2.

RISULTATI

Lo studio ha arruolato 30.420 volontari che sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1: 1 a ricevere vaccino o placebo (15.210 partecipanti in ciascun gruppo). 

Più del 96% dei partecipanti ha ricevuto entrambe le iniezioni e il 2,2% aveva prove (sierologiche, virologiche o entrambe) di infezione da SARS-CoV-2 al basale. 

La malattia sintomatica di Covid-19 è stata confermata in 185 partecipanti al gruppo placebo (56,5 per 1000 persone-anno; intervallo di confidenza al 95% [CI], da 48,7 a 65,3) e in 11 partecipanti al gruppo mRNA-1273 (3,3 per 1000 persone-anno; anni; IC 95%, da 1,7 a 6,0); l’efficacia del vaccino è stata del 94,1% (95% CI, da 89,3 a 96,8%; P <0,001). 

L’efficacia era simile nelle principali analisi secondarie, inclusa la valutazione 14 giorni dopo la prima dose, analisi che includevano partecipanti che avevano evidenza di infezione da SARS-CoV-2 al basale, e analisi su partecipanti di età pari o superiore a 65 anni. 

Grave Covid-19 si è verificato in 30 partecipanti, con un decesso; tutti e 30 erano nel gruppo placebo. Una moderata reattogenicità transitoria dopo la vaccinazione si è verificata più frequentemente nel gruppo mRNA-1273. Gli eventi avversi gravi erano rari e l’incidenza era simile nei due gruppi.

CONCLUSIONI

Il vaccino mRNA-1273 ha mostrato un’efficacia del 94,1% nel prevenire la malattia da Covid-19, inclusa la malattia grave. 

A parte le reazioni locali e sistemiche transitorie, non sono stati identificati problemi di sicurezza. 

(Finanziato dalla Biomedical Advanced Research and Development Authority e dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive; numero COVE ClinicalTrials.gov, NCT04470427. si apre in una nuova scheda.)


Informazioni per il lettore

Il testo è stato tradotto tramite l’utility Google Translator

Il  testo originale è pubblicato su https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa2035389