Revisione dell’assegno di mantenimento

Quando è possibile chiedere la revisione dell’assegno di mantenimento?

È possibile chiedere la revisione dell'assegno di mantenimento quando vi è un cambiamento della situazione di fatto accertata al momento del provvedimento.

I cambiamenti suddetti   si verificano principalmente in due ipotesi: 

  1. vi sia stato un notevole incremento dei redditi di uno dei coniugi (erede di un  patrimonio);
  2. vi sia stato un deterioramento della situazione economica di uno dei coniugi (perdita del lavoro oppure per  fallimento).

L’assegno di mantenimento, sia a favore del coniuge sia a favore dei figli, è rivalutato annualmente secondo l'indice Istat per le famiglie di operai ed impiegati.

La richiesta  di revisione dell’assegno può essere chiesta  sia dall’avente diritto sia dal coniuge che è obbligato a versarlo.

Come viene effettuata la richiesta di revisione e come si chiede la modifica dell’assegno di mantenimento?

Per la  modifica dell’assegno di mantenimento in tribunale è necessario notificare un ricorso alla controparte  tramite il  proprio avvocato di fiducia.

Per aggiornare l'importo dell'assegno di mantenimento tra due periodi utilizza Calcola aumento ISTAT del canone di affitto e dell'assegno di mantenimento al coniuge

Ulteriori notizie sulla modifica dell'assegno