Hai necessitÓ di adeguare canone d'affitto e assegno di mantenimento per l'anno 2017 e 2018?

Qui potrai aggiornare i tuoi importi

Prima di tutto precisiamo che per calcolare l'aumento ISTAT del canone di affitto si utilizza l'indice FOI (Famiglie Operai e Impiegati) al netto dei tabacchiQui puoi leggere e avere notizie sull'ultimo indice pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Ora cerchiamo con esempi di identificare le problematiche che spesso si devono affrontare quando si ha la necessità  di calcolare l'aumento Istat senza il riferimento del mese.

Una domanda frequente che stiamo ricevendo dai nostri utenti è la seguente:

Come aggiornare un importo (Canone di affitto oppure assegno di mantenimento) dal 2017 al 2018?

Con un esempio cerchiamo di chiarire i dubbi e rispondere.

CASO 1

Adeguamento di un canone d'affitto (l'esempio è valido anche per un assegno di mantenimento) che è stato stipulato a Gennaio 2017 per un importo di EURO 500,00 mensili con il pagamento della prima rata avvenuto anticipato (alla stipula) a Gennaio 2017.

Le dodici rate dell'affitto pagate dall'inquilino sono elencate qui sotto.

N. Rata
affitto
Data
Scadenza
Importo mensile
da pagare
Totale
parziale
1 01/01/2017 500 500
2 01/02/2017 500 1000
3 01/03/2017 500 1500
4 01/04/2017 500 2000
5 01/05/2017 500 2500
6 01/06/2017 500 3000
7 01/07/2017 500 3500
8 01/08/2017 500 4000
9 01/09/2017 500 4500
10 01/10/2017 500 5000
11 01/11/2017 500 5500
12 01/12/2017 500 6000

La prima rata è quella di Gennaio, l'ultima, la dodicesima, chiaramente sarà  quella di Dicembre. La tredicesima rata e quindi la prima dell'anno successivo che è quella di Gennaio 2018 dovrà  essere la rata che dovrà  essere pagata con l'aggiunta dell'aumento Istat.

Come calcoliamo l'aumento per Gennaio 2018? Quale periodo prendere come riferimento per aggiornare la rata?

Se si comunica l'aumento entro la prima quindicina del mese di gennaio 2018 si dovrà  considerare che in quel periodo l'ultimo indice Istat ufficiale disponibile (pubblicato dall'ISTAT) sarà  quello di novembre 2017. Quindi l'aumento che si dovrà comunicare  sarà  l'aumento percentuale tra Novembre 2016 e Novembre 2017. Quindi se prendessimo il valore di 500 euro pagato a Gennaio 2017 come nell'esempio sopra avremo un aumento da Novembre 2017 a Novemnre 2017 uguale a 0,8% e quindi da 500 euro si passerà a 504 euro.

Non si deve effettuare l'aggiornamento da Gennaio 2017 a Novembre 2017 (ultimo disponibile nel nostro esempio) perchè non verrà  effettuata una rivalutazione monetaria annuale ovvero una variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell'anno precedente!

Nell'ipotesi in cui la comunicazione dell'aumento dovesse essere eseguita dopo il 15 del mese di gennaio 2018 si andrà  a comunicare la percentuale di aumento tra dicembre 2016 e dicembre 2017.

Se desideri avere conferma di quello che affermiamo puoi leggere la data di pubblicazione  dello scorso anno dell'indice relativo al mese di dicembre 2016  sul sito dell'ISTAT. La  comunicazione dell'indice ISTAT di dicembre 2016 avvenne come da noi evidenziato  sopra, il 16 gennaio 2017, quindi successivamente al 15 gennaio 2017.

Altro consiglio:

nel caso si volesse comunicare un aumento prima dell'uscita dell'indice del mese è quello di applicare all'importo un valore medio di aumento annuale che si può ricavare dalla nostra utility.

Approfondimenti

Adeguamento Istat annuale. Cos'è  e come si calcola

Ti consigliamo  di tenere sempre sotto controllo queste pagine:

Utility per calcolare l'aumento ISTAT del canone e assegno di mantenimento al coniuge

Ultimo indice ISTAT (FOI senza tabacchi) per aggiornare canone e assegno di mantenimento

Comunicato del mese di dicembre 2017