L’ISTAT dice che l’inflazione sale a Maggio 2018. Prezzi al consumo in aumento.

Nel mese di maggio 2018,  l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,3% rispetto al mese precedente e dell’1,0% su base annua (da +0,5% registrato ad aprile). 

Il valore dell’inflazione torna al valore di ottobre 2017

Grafico Inflazione Italia Gen-2017 Maggio 2018
Grafico Inflazione Italia Gen-2017 Maggio 2018

La marcata ripresa dell’inflazione si deve prevalentemente ai prezzi dei Beni alimentari non lavorati,.

(altro…)

L’inflazione US a maggio 2018 registra +0,4% rispetto al mese precedente e +2,8 rispetto a maggio 2017

L’indice dei prezzi al consumo  negli Stati Uniti (CPI-U) è aumentato dello 0,2 per cento a Maggio 2018 su base destagionalizzata dopo l’aumento dello 0,2 percento in aprile. Lo ha comunicato oggi  Il Bureau of Labor Statistics.

Inflazione USA da Gennaio 2010 a Maggio 2018
Inflazione USA da Gennaio 2010 a Maggio 2018

L’indice di tutti gli articoli è aumentato del 2,8% per i 12 mesi terminanti a maggio, continuando così tendenza al rialzo dall’inizio dell’anno. Questo valore è il più alto registrato da Febbraio 2012 quando si raggiunse 2,9%, qui i dati.

Tabella Variazioni percentuali in CPI (CPI-U)

Mutui casa e compravendite in aumento per il 2017 rispetto al 2016

LISTAT  il comunicato relativo al IV trimestre 2017 ci annuncia che il mercato immobiliare italiano chiude il 2017 con segnali di ripresa sia su base congiunturale che tendenziale, dopo la sostanziale stabilità registrata il trimestre precedente.

Un lieve incremento congiunturale si rileva anche per i mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare, che risultano ancora in flessione su base annua.

Il 2017 registra complessivamente un aumento, rispetto al 2016, sia per le compravendite sia per i mutui.

Link utili
http://dati.istat.it/

Locazione giugno e luglio 2018. Rivalutiamo in maniera corretta il canone

Tra breve arriveremo nel periodo utile per aggiornare e quindi rivalutare con gli indici ISTAT  il canone di locazione per i mesi di giugno e luglio 2018.

Come effettuo la rivalutazione per il canone di giugno e luglio 2018?

La prima cosa da fare è prendere dimestichezza con la procedura che ti consentirà l’aggiornamento automatico. Trovi la procedura su questa pagina.

Se desideri fari meno passaggi, da questa pagina potrai aggiornare annualmente la locazione  all’ultimo indice ISTAT (FOI senza tabacchi). 

Da sapere assolutamente che l’ISTAT pubblicherà l’indice di giugno 2018 in data 17 luglio 2018(martedì) e quello di luglio 2018 in data 13 agosto 2018 (lunedì)

Se volessi anticipare i tempi sappi che L’ISTAT darà una stima per l’indice di giugno 2018 in data 28 giugno 2018 e per luglio 2018 la stima verrà comunicata in data 31 luglio 2018. Qui trovi il calendario dei comunicati ISTAT per il 2018

Da sapere e lo riteniamo fondamentale che Rivaluta.it ha creato una potente utility per cercare di prevedere e stimare l’indice. 

Potrai trovarla su questa pagina con tutte le informazioni utili per usarla al meglio e quindi ottenere il l’indice che ti permetterà di effettuare una rivalutazione (stima!) prima che l’ISTAT pubblichi il dato ufficiale.

Ecco di seguito alcuni link utili

Crea una tabella dei pagamenti della rivalutazione monetaria con importo e relativa scadenza

Calcola l’aumento percentuale di un importo: conosco la percentuale di aumento e desidero rivalutare un importo

Calcola la differenza percentuale tra due valori

Aggiorna Canone di affitto

Che cos’è il contratto di locazione breve?

L’agenzia delle Entrare ha chiarito cosa si intende per contratto di locazione breve.

Per contratto di locazione breve si intende un contratto di locazione che deve avere queste caratteristiche:

  • durata non superiore a 30 giorni,
  • di immobili a uso abitativo (comprese le sublocazioni e le concessioni in godimento a terzi a titolo oneroso da parte del comodatario)
  • stipulato da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa.

La “manovrina” ovvero il decreto legge n. 50 del 2017  stabilisce che sono obbligati a tramettere i dati relativi ai contratti di locazione breve stipulati a partire dal 1° giugno 2017:

  • coloro che esercitano attività di intermediazione immobiliare
  • coloro che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da affittare.

Se hai necessità di effettuare rivalutazione monetarie di un contratto di locazione usa la nostra utility

 

RIFERIMENTI

Inflazione US ad aprile 2018 ancora in aumento: sale al 2,5%

Ad aprile 2018, l’indice dei prezzi al consumo negli USA è  in aumento del 2,5 percento negli ultimi 12 mesi.

L’inflazione negli Stati Uniti D’America sale ancora. Un dato più alto lo troviamo solo a Febbraio 2017 quando il valore fu 2,7%.

Qui i dati aggiornati e il relativo grafico per l’inflazione negli USA

La serie storica dal sito dell’Ufficio statistica degli Stati Uniti D’America 

La variazione congiunturale

Cosa si intende e come si calcola la variazione congiunturale?

In economia e statistica quando si confrontano aggregati si parla di variazione congiunturale.

È il quoziente tra l’indice del mese corrente di riferimento (dividendo) e quello del mese precedente corrispondente (divisore), il risultato è poi moltiplicato per 100, sottratto 100.

Esempio

Variazione congiunturale =((Indice Febbraio 2018/Indice Gennaio 2018)×100)−100)


Utile per te: Calcolare la variazione percentuale tra due valori